Cercando sul web questi trattamenti vengono restituiti una serie infinita di risultati che confondono le idee piuttosto che chiarirle. 

Eppure la tipologia di pigmenti utilizzati, gli strumenti impiegati, la durata del trattamento e il suo effetto finale sono molto differenti!

Se vuoi conoscere la reale differenza tra Dermopigmentazione rispetto al Microblading, questo articolo risponderà a tutte le tue domande.

Microblading | differenza tra pigmentazione e microblading

Esempio di trattamento di Microblading.

Perché continua a crescere esponenzialmente questa ricerca alle sopracciglia perfette?

Nonostante vengano sottovalutate, le sopracciglia sono, insieme agli occhi, la parte più importante del nostro viso: incorniciano il volto, me determinano l’espressione e l’armonia facciale. Una forma sbagliata può farci apparire sempre arrabbiate, pensierose o meravigliate quando non lo siamo affatto!

Individuarne la forma corretta non è semplice, occorre l’occhio di una persona esperta che ci insegni anche ad enfatizzarle nella maniera corretta con il makeup , ma diciamocelo: disegnarle ogni mattina è complicato e faticoso!

Quando il makeup non è più sufficiente si può ricorrere alle tecniche di trucco semipermanente: quale scegliere tra la dermopigmentazione e il microblading?

Queste due tipologie di tatuaggio estetico sono la soluzione ideale per chi soffre di diradamento, asimmetria o alopecia sopracciliare in quanto permettono di ricostruire le sopracciglia rendendole simmetriche, uniformi e in armonia con il volto sia dal punto di vista della forma che  del colore.

Con la dermopigmentazione o il microblading avrai sopracciglia sempre perfette senza make up facilitandoti la vita di tutti i giorni: in piscina, in palestra, alle terme o in spiaggia sarai sempre perfetta senza la paura che la matita ti coli sul viso!

Entrambe permettono di ottenere un effetto molto naturale, il cosiddetto “pelo a pelo”, con intensità differenti. Ma prima di illustrarti i dettagli delle   due tecniche, ecco le informazioni che hai bisogno di sapere prima di sottoporti al trattamento:

  • Entrambe le tecniche rientrano effettivamente nella categoria dei tatuaggi, perché prevedono l’inserimento di pigmenti organici sottopelle, anche se riassorbibili e quindi semipermanenti;
  • Entrambi i trattamenti potrebbero creare del fastidio durante la seduta. Alcune persone affermano che si avverte una sensazione simile al tocco di una pinzetta o del silk-epil;
  • Entrambe le tecniche necessitano di una prima seduta per tracciare la forma attraverso il disegno dei peli mancanti, e di un successivo trattamento di ritocco indispensabile per fissare il risultato;
  • Prima di effettuare il vero e proprio trattamento, in ogni caso sarà necessario uno studio visagistico grazie al quale viene definita la forma e il colore più adatti al viso, perché ogni volto è unico e in quanto tale la sua unicità va preservata ed esaltata!

In cosa consiste la Dermopigmentazione

Si tratta di una tecnica di tatuaggio che applica pigmenti colorati e bioassorbibili sotto la superficie della pelle.

La tecnica deve il suo nome allo strumento utilizzato , il dermografo, molto simile alla macchinetta utilizzata dai tatuatori tradizionali. Tuttavia questa utilizza aghi molto più fini che penetrano meno in profondità, in uno strato superficiale dell’epidermide risultando quindi adatto per zone molto delicate del corpo.

Negli ultimi anni in Italia se ne sente parlare soprattutto in relazione alla ricostruzione delle sopracciglia. In realtà la dermopigmentazione ha un campo d’azione molto più vasto che non riguarda solo l’estetica ma anche l’ambito paramedicale.
Alcuni dei trattamenti possibili sono la correzione delle cicatrici, la ricostruzione dell’areola mammaria in seguito a interventi al seno, l’infoltimento capillare (tricopigmentazione), o un rinnovamento estetico del cuoio capelluto.

È tramite la tecnica di dermopigmentazione che si possono svolgere trattamenti di trucco semipermanente come l’eyeliner o il contorno labbra semipermanenti. 

Alcuni professionisti, addirittura, lo utilizzano sul viso con un pigmento simile al colore della pelle per creare un effetto BB cream!

Con la dermopigmentazione si possono ottenere  sopracciglia dall’effetto naturale ma leggermente sfumato, come se fossero state ripassate con una matita o un ombretto. 

Infatti il dermografo consente di creare sfumature di diversa entità e di ottenere maggiore definizione nei punti desiderati: l’effetto è simile quello che si ottiene attraverso la definizione con una matita per sopracciglia.

Considerando che i pigmenti vengono inseriti in uno strato più profondo della pelle e cioè nell’epidermide, questo tipo di trucco semipermanente sbiadisce con il passare degli anni senza mai scomparire del tutto, ma non cambia colore virando su tonalità innaturali (verde, rosso, viola…etc.) come può fare il classico tatuaggio.

Differenze tra dermopigmentazione e microblading

Esempio di Dermopigmentazione per le Sopracciglia.

In cosa consiste il Microblading

Si tratta di un’altra tecnica di ricostruzione sopraccigliare che consiste nell’utilizzo di micro lame imbevute di pigmento colorato, attraverso le quali si creano delle microincisioni sull’epidermide che tracceranno la forma dei peli riproducendone l’effetto naturale.

Non vengono quindi utilizzate macchinette come nel caso del tatuaggio classico o della dermopigmentazione ed i pigmenti vengono inseriti in uno strato più superficiale della pelle  viene invece utilizzato un semplice strumento simile ad un bisturi che può anche supportare più lame di minuscolo spessore.

Da questa conformazione particolare deriva il nome della tecnica, microblading, ossia micro incisioni per mezzo di lame.

La bellezza di questa tecnica, che l’ha resa ormai famosa e richiesta in tutto il mondo, risiede nell’esclusivo disegno pelo a pelo che assicura un effetto iperrealistico a livelli mai raggiunti da nessun altro trattamento estetico sopracciglia.

Oltre all’effetto “pelo a pelo” è possibile anche creare leggere sfumature per riempire le zone particolarmente diradate.
Rispetto alla dermopigmentazione, che traccia sfumature in maniera anche molto netta, questa tecnica lascia invece un effetto sfumato più tenue e funzionale ad una   resa estetica e realistica delle sopracciglia.

La correzione delle sopracciglia prevede che L’operatrice esperta disegni  meticolosamente a mano ogni pelo sulla pelle seguendo la direzione e la lunghezza dei peli esistenti, creando sopracciglia perfettamente in armonia tanto da mimetizzarsi con quelle naturali.

Differenza tra Dermopigmentazione e Microblading

Durata e mantenimento di Dermopigmentazione o Microblading

La durata dell’effetto è soggettiva e varia dai 12 ai 18 mesi: è sufficiente comunque un ritocco annuale per mantenere il risultato ed eventualmente adattarlo al fisiologico cambiamento del viso.

Per entrambi i trattamenti è possibile che i giorni seguenti alla seduta si formino delle crosticine, come naturale risposta alle microincisioni effettuate. Queste croste non vanno rimosse perché fanno parte del processo di guarigione e di fissaggio del colore, si rischierebbe altrimenti la rimozione anche del pigmento sottostante, compromettendo il risultato finale.

Dopo il trattamento vi verrà consigliata una crema da applicare durante i primi giorni per favorire la guarigione delle sopracciglia che perderanno poco a poco il pigmento applicato fino a perdere il 50% del colore iniziale. Per questo è indispensabile il primo ritocco dopo 30 giorni.

A parte i primi giorni successivi al trattamento non vi sono procedure di mantenimento particolari ma alcune accortezze per prolungare il più possibile l’effetto ottenuto. Ti consigliamo quindi, di limitare l’attività fisica intensa per almeno due settimane dopo il trattamento, per evitare sudorazioni intense che possono compromettere la fase di guarigione, così come l’utilizzo di sauna o bagno turco.

Ti consigliamo di evitare l’esposizione diretta al sole o lampade abbronzanti nei giorni appena successivi al trattamento: non appena la guarigione sarà  completa (circa 7/10 giorni) potrai esporti applicando sulla zona trattata una protezione solare totale

Ti sconsigliamo infine trattamenti aggressivi per la pelle quali peeling, scrub e l’utilizzo di prodotti schiarenti. È preferibile mantenere la zona sempre ben idratata, soprattutto i primi giorni, per favorire la cicatrizzazione e la corretta penetrazione del pigmento.

Vuoi iniziare il tuo percorso di bellezza? Affidati ad una Brow Designer Heylash per scoprire il trattamento ideale per te!

Foto di fine trattamento | Differenza tra Dermopigmentazione e Microblading

ULTIMI ARTICOLI:

RICERCA PER TAG

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER



INFORMATIVA PRIVACY
Ai sensi del Regolamento UE n. 2016/679, i dati personali che la riguardano saranno trattati per lo svolgimento delle attività autorizzate sopra descritte e potranno essere comunicati a terzi (Pubblicazione sul sito internet, Facebook, instagram.) sempre al fine del perseguimento delle finalità indicate.
In relazione ai dati conferiti Lei potrà esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003: conferma dell'esistenza dei dati, origine, finalità, aggiornamento, cancellazione, diritto di opposizione.
Per esercitare tali diritti dovrà rivolgersi al Titolare del salone Heylash Milano dei che è in via Lupetta 12 nel comune di Milano (MI). La mancata apposizione del consenso preclude totalmente la prosecuzione dei servizi Clicca qui per visionare la nostra informativa privacy.
DO IL CONSENSONEGO IL CONSENSO

Esprimo il consenso al trattamento dei dati che mi riguardano, da parte di Blink Srl (Heylash) per finalità di marketing, attività promozionali, offerte commerciali e per indagini di mercato. Sono consapevole che Heylash potrebbe utilizzare i miei dati per l'invio di SMS, e-mail, o per realizzare esperienze pubblicitarie personalizzate sui social network.
Inoltre esprimo il consenso al trattamento dei dati che mi riguardano da parte di eventuali ulteriori soggetti partner (persone fisiche e/o giuridiche) della cui collaborazione Blink Srl (Heylash) potrà avvalersi per il perseguimento delle finalità sopra indicate o che forniscano servizi strumentali o di supporto al perseguimento delle finalità medesime (per esempio: Istituti di ricerche di mercato, società di marketing, agenzie di pubblicità, società che svolgono servizi informatici, di recapito, elaborativo).
DO IL CONSENSONEGO IL CONSENSO